Faire Kontrolle

Ein fairer europäischer Arbeitsmarkt braucht faire Kontrolle, fordert Dr. Norbert Cyrus
von der Europa-Universität Viadrina, Frankfurt (Oder) 

Zum Kommentar von Norbert Cyrus  

Foto: © Kzenon / Fotolia.com

arm gegen arm

Was passiert, wenn arme Menschen gegeneinander ausgespielt werden, ist gerade an der Essener Tafel zu beobachten. Deutsche Sozialverbände und der DGB fordern stattdessen höhere Sozialleistungen für alle.

mehr  

Foto: L-c_aquar / Fotolia.com

Betriebsratswahlen - Gefahr von rechts?

Rechte Kandidat*innen bei der Betriebsratswahl - ist die Aufregung angebracht?

Interview mit Annelie Buntenbach, DGB Bundesvorstand 

Foto: © Robert_Kneschke / Fotolia.com

Eins vor, zwei zurück

Wie findet sich Migrationspolitik im Koalitionsvertrag wieder? 

Interview mit Daniel Weber, DGB Bildungswerk 

Foto: © vege / Fotolia.com

Globale Sklaverei beenden

25 Millionen Menschen sind weltweit Opfer von Menschenhandel. Neha Misra, Solidarity Center, Washington DC fordert, jetzt zu handeln.

Zum Kommentar von Neha Misra  

Foto: © elenabsl / Fotolia.com

Obdachlose sollen ausreisen

Zunehmend verweigern Notunterkünfte für Obdachlose EU-Bürger_innen  Hilfe. Hamburg setzt nun noch eins drauf gesetzt - hilfesuchende obdachlose EU-Bürger_innen sollen ausgewiesen werden.

Mehr zum Thema

Kommentar des Paritätischen Wohlfahrtsverbandes  

Foto: © Kara - Fotolia.com

Attivazione di tirocini formativi e di orientamento presso la Regione Emilia-Romagna

Normen zur Beruflichen Bildung in Italien, Emilia-Romagna

Realizzato nell'ambito di: Koordinationsstelle zur Förderung der beruflichen Bildung der italienischen Migrantinnen und Migranten in NRW

LEGGE REGIONALE 3 luglio 2001, n. 19

ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO PRESSO LA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Testo coordinato con le modifiche apportate da:
L.R. 21 agosto 2001 n. 27
L.R. 28 dicembre 2001 n. 49 (1)

Art. 1
Finalità e disciplina applicabile

1.
La Regione Emilia-Romagna, quale datore di lavoro pubblico, realizza tirocini formativi e di orientamento presso le proprie strutture organizzative allo scopo di perseguire le seguenti finalità:
a) favorire la conoscenza diretta del mondo del lavoro e conseguire una maggiore integrazione tra realtà occupazionali pubbliche e private;
b) creare opportunità di formazione e confronto con le realtà lavorative e consentire momenti di alternanza tra studio e lavoro, agevolando le successive scelte professionali;
c) consentire la conoscenza dei servizi erogati dall'amministrazione regionale, rendendo altresì fruibili le competenze sviluppate all'interno dell'ente.

2.
Ai tirocini formativi e di orientamento si applica la disciplina contenuta nella L. 24 giugno 1997 n. 196 e nei relativi provvedimenti di attuazione. La Giunta regionale, con proprio atto, definisce le specifiche modalità di attivazione e svolgimento dei tirocini.

Art. 2
(modificato comma 1 da art. 30 L.R. 21 agosto 2001 n. 27) (2)
Promozione ed attivazione dei tirocini formativi e di orientamento


1.
I tirocini di cui alla presente legge vengono promossi, in forma singola o associata, dall'Agenzia Emilia-Romagna Lavoro e da uno o più degli organismi di cui all'art. 2 del D.M. Lavoro e Previdenza Sociale 25 marzo 1998 n. 142.

2.
L'Agenzia Emilia-Romagna Lavoro, istituita ai sensi dell'art. 10 della L.R. 27 luglio 1998 n. 25, agisce quale struttura di supporto tecnico, al fine di realizzare l'indispensabile collegamento tra le disponibilità ricettive dell'Ente e le richieste di attivazione dei tirocini provenienti dai soggetti promotori di cui al comma 1.

Art 2 bis
(articolo aggiunto da art. 56 L.R. 28 dicembre 2001 n. 49) (3)
Iniziative di alternanza studio-lavoro


1.
La Regione Emilia-Romagna realizza iniziative di alternanza studio-lavoro presso le proprie strutture organizzative allo scopo di creare opportunità di incontro e scambio di conoscenze tra il sistema organizzativo dell'Ente Regione Emilia-Romagna, l'Università e il mondo della formazione in generale.

2.
Le modalità di realizzazione e svolgimento delle iniziative di cui al comma 1 sono definite dalla Giunta regionale nel rispetto dei seguenti criteri generali:
a) attivazione sulla base di apposite convenzioni con università ed istituti universitari statali e non statali, abilitati al rilascio di titoli accademici; istituzioni scolastiche statali e non statali che rilascino titoli di studio con valore legale;
b) previsione della durata dei rapporti con i destinatari delle iniziative ospitati presso le strutture regionali, non costituenti rapporti di lavoro, in misura non superiore complessivamente a 12 mesi rinnovabili una sola volta, da modulare in funzione delle specificità delle singole iniziative.

Art. 3
(modificato da art. 56 L.R. 28 dicembre 2001 n. 49)
(4)
Rimborsi e indennità


1.
Ai partecipanti ai tirocini ed alle iniziative di cui all'art. 2 bis può essere riconosciuto il rimborso spese, anche forfettario, in aggiunta ad eventuali indennità economiche non aventi in alcun modo natura retributiva, nella misura e secondo le modalità stabilite con la deliberazione di Giunta regionale prevista nel comma 2 dell'art. 1 e nel comma 2 dell'art. 2 bis.

Art. 4 Norma finanziaria

1. Agli oneri derivanti dalla presente legge la Regione Emilia-Romagna fa fronte con l'istituzione di apposito capitolo nella parte spesa del bilancio regionale, che verrà dotato della necessaria disponibilità in sede di approvazione della legge di bilancio a norma dell'art. 11 della L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e successive modificazioni.