Immigrati e Mass media: Momenti di un convegno tematico a Berlino

20.11.2007

Nell’ambito del partenariato per lo sviluppo Pro Qualifizierung, il 29 ottobre l’Ente centrale per il perfezionamento professionale nell’artigianato ha svolto a Berlino un convegno tematico sul tema “molteplicità dei mass media – in forma per il futuro”.

Al centro della manifestazione è stata posta la rappresentazione degli stranieri nei media di massa. La domanda è di centrale importanza, non soltanto perché la nostra visione della società viene plasmata in maniera determinante dai media, cosi ha dichiarato il professore universitario di Osnabrück Michael Bommes in una relazione introduttiva. Tutto quello che sappiamo, lo sappiamo attraverso i media, così ha detto Bommes riferendosi ad una famosa frase del sociologo Niklas Luhmann.

E l’immagine che viene pubblicizzata nei media, questa anche l’opinione più volte ripetuta dai lavoratori del settore presenti, è spesso collegata ai matrimoni coatti, agli omicidi d’onore, alla violenza domestica e al velo. Esistono anche esempi di informazione positiva, ma sono ancora sempre pochi. Questo non significa che le notizie devono ignorare i problemi, ma devono rispecchiare la vita dei migranti, la quale non è determinata nella maggior parte dei casi dai temi citati.

Un altro dei temi discussi: il dibattito sull’integrazione condotto nei media è diventato più duro. Questo, però, non viene giudicato negativo. Quando nei media tedeschi si litiga, è un segno che la società di maggioranza ha riconosciuto l’appartenenza dei migranti alla collettività e cerca strade per l’integrazione. E quando le organizzazioni dei migranti, come ad esempio le associazioni dei cittadini turchi, prima del vertice sull’integrazione, litigano con le istituzioni della società tedesca siamo sullo stesso livello. Se non si ha nessun rapporto con l’altra parte, allora si esclude, si diffama, ma non si litiga.

Questi sono soltanto due momenti di una discussione, dalla quale i partecipanti sono usciti con alcune consapevolezze in più di quante ne avessero quando vi sono entrati.

Europa:Mobil Nov07_Zuwanderer und Medien

Quest'articolo è tratto dalla pubblicazione "Europa:Mobil Novembre 2007 (versione italiana)" ripreso