Quadro europeo delle qualifiche: Superati tutti gli ostacoli

20.11.2007

Il 25.10.2007 il Parlamento Europeo ha approvato la realizzazione di un quadro europeo delle qualifiche (EQR), decretato alcuni giorni prima dal Consiglio dei ministri.

L’iter è stato avviato a Maastricht nel 2004. In quel periodo i ministri per l’istruzione avevano concordato un quadro delle qualifiche. In seguito, nel settembre del 2006, la Commissione della UE aveva presentato una raccomandazione relativa.

Il Quadro europeo delle qualifiche è suddiviso in otto livelli di referenze, che vanno dalle conoscenze base alle conoscenze ad alto livello. Vengono descritte le conoscenze, le attitudini e le competenze possedute. E questo indipendentemente dal modo e dal luogo in cui sono state acquisite.

In questo modo le competenze professionali diventano equiparabili a livello europeo. L’obiettivo del quadro europeo delle qualifiche sono lo sviluppo della mobilità nella UE e l’agevolazione dell’apprendimento a vita.

La raccomandazione sul Quadro europeo delle qualifiche prevede che gli Stati membri adattino i propri sistemi di qualificazione al quadro europeo delle qualifiche fino al 2010. Dal 2012 le pagelle e i diplomi recheranno un riferimento al Quadro europeo delle qualifiche.

Quest'articolo è tratto dalla pubblicazione "Europa:Mobil Novembre 2007 (versione italiana)" ripreso